< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • February 2006
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/02/2006

    Ed è anche buono

    Filed under: — JE6 @ 15:48

    Non me ne faccio un vanto, ma il TG5 lo guardo davvero poco, molto poco. Ora, non so se interpretare come un segno del destino il fatto di essermi imbattuto, ieri sera, in Lamberto Sposini che mangiava un pollo arrosto in diretta e che, per soprammercato, annunciava l’andamento di Wall Street con la bocca ancora piena. Ma è così tutte le sere? Che cosa mi sono perso, in questi mesi?
    23 is a magic number

    Grazie Davide

    Filed under: — JE6 @ 08:40

    Non posso escludere che la mail sia farlocca, anche se – francamente – non ne vedo il motivo.
    Sta di fatto che un paio di giorni fa ho ricevuto un messaggio da Davide Corritore (o chi per lui), che recita testualmente “Grazie in ritardo per il tuo voto alle primarie… Davide“.
    La cosa, naturalmente, mi ha fatto piacere. Lo trovo un segno di buona educazione, in primo luogo. Lo trovo anche un gesto disinteressato, perchè arriva in modo privato e dopo le elezioni da parte di un soggetto che è arrivato buon ultimo nella competizione (e quindi non ha particolari motivi per una captatio benevolentiae da sfruttare nel breve termine). Last but not least, lo trovo un segno di attenzione; non mi pare di aver dedicato grande spazio alle primarie milanesi dell’Unione, nè su questo blog nè nei commenti distribuiti altrove: inviare quello che i burocrati chiamano “un cenno di riscontro” significa aver letto, in modo spontaneo oppure su segnalazione, e aver preso nota: in ogni caso, significa aver coscienza dell’esistenza di una fettina di mondo e di elettori che usano il blog per conversare di politica. Siamo piccoli, ma forse cresceremo.