< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • February 2006
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/02/2006

    Azione, e reazione

    Filed under: — JE6 @ 21:43

    [Post a rischio: qui, seppure in assenza di blazer blu con bottoni dorati, si rischia di passare per Piero Ottone]
    Da queste parti – nei paesi occidentali, dico – si è cresciuti con il culto della libertà di espressione. Tutti hanno il diritto di dire tutto. Non che manchino le eccezioni: vilipendio della religione, oltraggio alla bandiera, oltraggio a pubblico ufficiale, cose così. Insomma, libertà con juicio, si potrebbe dire.
    Comunque sia. Il fatto è che le persone non sono nè neutre, nè sante. Ad azioni fanno spesso corrispondere reazioni, che spesso non corrispondono all’insegnamento evangelico che invita a porgere l’altra guancia. Mi insulti? Ti insulto. Mi tocchi su qualcosa o qualcuno che mi è particolarmente caro? Magari ti mollo un ceffone. Succede.
    Succede anche che vi siano persone più suscettibili di altre, ed è più probabile sia che queste reagiscano a quelle che ritengono essere delle provocazioni, sia che le reazioni siano più forti rispetto alla media o al comune sentire. Non è una giustificazione ai loro comportamenti, ma è una constatazione inevitabile.
    Se disegno o autorizzo la pubblicazione di una vignetta che sbeffeggia Maometto, lo faccio con pieno, pienissimo diritto. Esercito, appunto, la mia libertà di espressione, che è uno dei cardini della società nella quale vivo e nei cui valori credo. Ma sarei uno sciocco e/o un incoscente se pensassi che quella mia azione non è destinata a generare una reazione, che potrebbe riguardare me e, molto probabilmente, diverse altre persone. Se anche queste sono disposte a sopportare le conseguenze delle mie azioni, nessun problema; ma, se non lo sono, forse un minimo di scrupolo dovrei pur farmelo, libertà di espressione o meno: non credo che Monsieur Voltaire si rivolterebbe nella tomba, per questo.

    Eclipse

    Filed under: — JE6 @ 09:24

    A volte, le buone notizie arrivano camuffate da telegrammi che annunciano una morte. Non ci saranno più album dei Pink Floyd, e per noi resterà sempre The Great Gig In The Sky.
    Repubblica.it

    Aridatece Alvaro Vitali

    Filed under: — JE6 @ 07:53

    Il claim della prossima campagna di Amica Chips sarà “A chi piace la patatina“. Protagonista dello spot, Rocco Siffredi.
    Italia Oggi (solo per abbonati)