< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • February 2006
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    15/02/2006

    Costernazione

    Filed under: — JE6 @ 17:59

    Mioddio, la Mondaini della blogosfera (che-barba-che-noia) si è stufata. Odio ricevere notizie così ferali (peccato solo che siano delle bufale, ecco).
    Blogdiscount

    Ciccia e brufoli

    Filed under: — JE6 @ 17:27

    Da oggi (a pochi giorni dal suo quinto compleanno) al momento in cui le modelle e le veline eserciteranno il loro nefasto effetto sul cervellino di mia figlia spero che passi ancora un bel po’ di tempo; nel frattempo, provo a godermi il fatto che, pur facendo durare una cena per un periodo di tempo prossimo a quello di un’era geologica, la persona corta che abita in casa mia si incazza se le togli il piatto da sotto il naso prima che il piatto stesso sia stato adeguatamente ripulito.
    Ciò detto, non posso evitare di rabbrividire all’idea che, un giorno, si possa trovare a guardare un reality che definisce una ragazza alta 1.76 “troppo grassa” perchè pesa 52 chili; la vita è già abbastanza piena di sofferenze reali, aggiungerne di farlocche è davvero troppo.
    Corriere.it

    Four holes in the ground

    Filed under: — JE6 @ 11:33

    Quando vedi certi concerti, non vorresti fare altro che prendere un Black&Decker, fare quattro buchi in terra, inchiavardarti lì e non muoverti più, purchè loro continuino a suonare.
    Premiata Forneria Marconi