< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • February 2006
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    16/02/2006

    Packed like lemmings into shiny metal boxes

    Filed under: — JE6 @ 12:13

    Non credo che la mia sia solo un’impressione: ho la certezza empirica che, data la dimensione di vie e strade, e dato il volume di traffico che le percorre, basta metter mano ad un lavoro da nulla – un tombino, un marciapiede – per creare ingorghi e code devastanti. L’estrazione o l’interramento di un cavo possono bloccare aree popolate quanto il Burkina Faso, come sa chi oggi percorre la statale del Sempione da Milano in direzione di Nerviano (cercate di non farlo, insomma): la distanza tra il traffico normale e la catastrofe si assottiglia ogni giorno di più, e sembra non esserci nulla da fare.