< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • November 2006
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    10/11/2006

    Pasto completo

    Filed under: — JE6 @ 15:25

    Ma voi – parlo di voi cittadini, gente che, come me, è nata e cresciuta e continua a vivere nella metropoli – quando avete visto da vicino per l’ultima volta un operaio [1]?
    Perchè nei nostri templi del terziario più o meno avanzato, cattedrali dedicate alle scarpe in anguilla e ai blackberry, incontrarne uno è tanto probabile quanto avvistare una foca monaca. E la cosa è vera non solo se si cammina per le vie del centro, ma anche spostandosi in periferia, e persino nel primissimo hinterland. Così, quando uno si trova ad andare a mangiare in un self-service di una zona industriale, si rende conto con una specie di smarrimento sociologico della ostinata (r)esistenza delle tute blu. Li riconosci subito, guardando le mani – grosse, robuste, screpolate, di un colore generalmente abbastanza lontano dal bianco-neon o dal marrone-lampada che contraddistingue i nine-to-six cittadini – oppure i pantaloni – larghi, impolverati, macchiati – oppure i capelli – attorcigliati, spinosi, schiacciati su un lato e sparati verso l’alto dall’altro.
    Ma, soprattutto, li riconosci dai vassoi. Primo, secondo, contorno, frutta e vino. Ci sono tavoli straripanti, tagliatelle e cotolette e patate, mangiati prima nel silenzio di chi sta facendo la cosa più semplice e necessaria del mondo – nutrirsi per sopravvivere – e poi nell’allegria di chi sta facendo la cosa più semplice e necessaria del mondo – divertirsi in compagnia. A noi degli uffici ci guardano come a degli alieni – le insalate scondite, i primi “mezzo piatto, per piacere, non di più”, le acque minerali. E’ un piacere stare ad osservarli, con la giusta discrezione, per rendersi conto che, graziaddio, c’è un mondo di carne e ossa che non è nè migliore nè peggiore rispetto a quello che frequentiamo noi – noi cittadini, appunto – ma non fa schifo, un mondo il cui sudore puzza tanto quanto i nostri deodoranti anallergici.
    [1] Ogni tanto, tornando a casa dei miei, entro nella mia vecchia camera. Su un muro è attaccata la copertina di un numero di Time degli anni Ottanta, quella famosa che gridava “Milano!”. Erano bei tempi? Non so.

    Anzi, a me piacciono cicciottelle

    Filed under: — JE6 @ 10:37

    Ma voi pensate che la Melandri troverà uno stilista, uno solo, che risponderà al suo accorato appelloDiamine, signora, adesso che mi ci fa pensare ho mandato per anni in passerella ragazze che sembravano uscite da un treno per Mauthausen – ma lei ha proprio ragione e giuro che non lo farò mai più, parola di boyscout“?
    Repubblica.it