< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • December 2006
    M T W T F S S
    « Nov   Jan »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    09/12/2006

    Deragliamenti

    Filed under: — JE6 @ 14:53

    A poche pagine dal termine dell’ultimo libro di Alessandro Baricco [1], e prima di arrivare a leggere le sue conclusioni [2], continuo a pensare che il vero difetto del libro medesimo non sia l’arrivare con qualche ritardo a teorizzazioni più o meno fondate, bensì il titolo. Perchè Baricco è fin troppo uomo del nostro tempo per aver deciso di usare il termine “barbari” dandogli lo stesso significato attribuitogli dagli antichi greci e da San Paolo – stranieri: no, Baricco usa l’aggettivo sostantivato proprio come lo usiamo tutti, quotidianamente, per indicare i selvaggi, quelli che non solo non hanno cultura ma vogliono distruggere anche quella (superiore?) che incontrano sulla loro strada. La prima parola del libro lo indirizza, nell’atteggiamento e nel merito, facendo deragliare a ogni pagina le (molte) intuizioni giuste che lo riempiono.
    Internetbookshop, Wikipedia

    [1] Si pregano i lettori di evitare commenti da salotto buono della letteratura. C’è chi ascolta i Beatles e chi passa intere serate a guardare Celentano o Morandi, lo ricordo senza polemica.
    [2] Che qui non saranno discusse, nemmeno dopo averle lette.