< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • December 2006
    M T W T F S S
    « Nov   Jan »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/12/2006

    Ricordi

    Filed under: — JE6 @ 15:43

    Il titolare, qui, 37 inverni fa aveva da non molto compiuto tre anni. Delle bombe cominciò ad avere esperienza – anche diretta, familiare: ma questa è altra storia – solo qualche anno dopo. Però, dice il sommo Marquez che la vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla. E allora vale usare i ricordi altrui, per fare in modo che Piazza Fontana (e Piazza della Loggia, e l’Italicus, e Ustica, e l’elenco – come sapete – va avanti a lungo) continui ad essere, almeno, raccontata.
    Wikipedia

    Buon gusto

    Filed under: — JE6 @ 13:24

    Ieri sera, a tre poltrone di distanza, stava seduta Fernanda Pivano (e, al suo fianco, Dori Ghezzi). Di tanto in tanto buttavo un occhio dalla sua parte, e vedevo una donna di quasi novant’anni – entrata in sala sorretta da due ragazzi – battere le mani e seguire sorridente le schitarrate più pesanti di quel vecchio demonio di Franco Mussida, e mi dicevo “beh, magari di letteratura non ne capisce più di tanto [1], però la buona musica la sa riconoscere”.
    Wikipedia, PFM

    [1] On the road, per intenderci – l’equivalente letterario dei Beatles.