< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • December 2006
    M T W T F S S
    « Nov   Jan »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    20/12/2006

    “oooooh”

    Filed under: — JE6 @ 18:01

    Io conosco più di un soggetto con il quale condivido la passione per i Genesis, ma giuro che l’idea di vederli avvicinarmisi “con la bocca che dice “oooooh” e le mani protese con le dita larghe” mi terrorizza – i fan di Nek dovrebbero essere meno pericolosi.
    EmmeBi

    (Not so much) Environmentally friendly

    Filed under: — JE6 @ 15:10

    Secondo l’Economist, non è detto che si faccia un’azione “environmentally friendly” comprando cibo “organico”, per il semplice motivo che siamo in tanti, e sul pianeta non c’è abbastanza spazio per colture non intensive [1]:
    Farming is inherently bad for the environment: since humans took it up around 11,000 years ago, the result has been deforestation on a massive scale. But following the “green revolution” of the 1960s greater use of chemical fertiliser has tripled grain yields with very little increase in the area of land under cultivation. Organic methods, which rely on crop rotation, manure and compost in place of fertiliser, are far less intensive. So producing the world’s current agricultural output organically would require several times as much land as is currently cultivated. There wouldn’t be much room left for the rainforest.
    The Economist (per abbonati)

    [1] L’articolo è vecchio di un paio di settimane, ma qui si stanno smaltendo gli arretrati. Ah, il gusto di leggere una rivista facendo credere che si sta lavorando.

    You (quell’altro, però)

    Filed under: — JE6 @ 09:13

    Ancora a proposito di pronomi, trovo tanto gratuito quanto fastidioso il gigantesco “Voi” che si legge tra le righe di questo post di Vittorio Zambardino.
    ZetaVu