< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Fortza Paris
  • One World

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Trasporti speciali
  • Cosa leggi
  • Cold case
  • Ti voleva bene
  • Un modo di stare al mondo
  • Prova a spiegarmelo
  • Destinazione paradiso
  • Cos’abbiamo da guardare
  • Fonzie reloaded
  • E invece
  • November 2006
    M T W T F S S
    « Oct   Dec »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/11/2006

    L’apparenza

    Filed under: — Sir Squonk @ 15:40

    Un anno e mezzo fa, al BlogRodeo di Firenze, mi capitò di incontrare una ragazza, che in quel periodo tempestava di commenti, spesso indefinibili tanto erano carichi di giovanile presunzione ed egocentrismo e smania di apparire, mezza blogosfera.
    Al termine del pomeriggio chiese a me e a Lord Marquant dove fossimo diretti, e appreso l’indirizzo del nostro albergo ci chiese se potevamo accompagnarla a casa, visto che eravamo proprio di strada. Ovviamente, seppure con qualche timore, accettammo, e quella mezz’ora nella quale ci guidò lungo Firenze fino a casa sua fu una specie di compendio di tutto ciò che avevamo letto di suo in quei mesi. Quando scese dalla macchina, io e il Lord ci guardammo in faccia, e concludemmo con la massima tranquillità che avevamo conosciuto un esemplare di femmina particolarmente sciroccata, roteammo gli occhi, ci facemmo una risata e andammo a prepararci per la cena.
    Oggi quella ragazza scrive su di sè un magnifico post su Macchianera, un post che non mi interessa sapere se racconta la verità o è solo semplice letteratura da pixel. Leggetelo, se vi va. Quanto a te, Dandyna, in bocca al lupo. E scusa.
    Macchianera

    Non è tutto

    Filed under: — Sir Squonk @ 13:56

    Non starò qui a disquisire sul colpevole – i media? chi desidera il proprio quarto d’ora di popolarità? entrambi in percentuali fisse o variabili? – di sociologia un tanto al chilo da queste parti se ne fa già abbastanza.
    Però leggo queste frasi, attribuite alla dirigente dell’Ufficio scolastico regionale di Padova, secondo quanto riportato da Repubblica: “A scuola i telefonini non servono a nulla sono una distrazione inutile, un intralcio al sereno svolgimento delle lezioni che favorisce il calo dell’attenzione e della concentrazione”. Non è tutto (questo è l’inciso di Repubblica, ndr): “La loro presenza può concorrere all’adozione di atti di bullismo, da riprendere e memorizzare, come purtroppo è già accaduto. Perciò vanno lasciati fuori dalle classi”. E mi chiedo: la signora dirigente sarebbe mai stata citata in un articolo di giornale se non avesse pronunciato la deprimente sciocchezza che segue il “non è tutto”?
    Repubblica.it

    Fiorin Fiorello

    Filed under: — Sir Squonk @ 08:37

    Simpatico è simpatico. Bravo è bravo [1], [2]. Se posso, lo ascolto. Ma, come dire, a me pare che il signor Fiorello Rosario stia sbragando un po’.
    Il Giornale

    [1] Peraltro, sono convinto che metà della sua bravura sia merito della sua spalla radiofonica e della truppa di autori che gli sta alle spalle. Tenerseli stretti è un merito, certo.
    [2] Però, la radio – anche, e forse soprattutto, quella buona – in televisione è di una noia quasi mortale.