< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Due gradi, forse
  • Sulla strada
  • Di foreste e città
  • Sotto la radio
  • Parlare da soli
  • Ciò che non è vietato
  • Gone Shootin’
  • “Sono vivi ma tu non lo senti”
  • Ben bene
  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • April 2004
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    20/04/2004

    Forza Beppe?

    Filed under: — JE6 @ 15:08

    Non posso dire di conoscere Beppe Caravita: leggo il suo blog, l’ho visto ospite nella trasmissione di Lerner, l’ho incontrato una sera al Movida (la sede ufficiale della Scuola Milanese del Blog): niente di più, anche se magari è già sufficiente.
    E’ – di questo sono sicuro – una persona entusiasta (in un capannello di scioperati con gli occhi rossi ed il boccale in mano, arriva lui, mette una mano sulla spalla di un noto blogger giornalista e gli dice: allora, vogliamo cambiare l’Italia? E giuro che sembrava parlare sul serio), il che me lo rende vieppiù simpatico.
    Ora, Beppe prova ad entrare in politica. D’acchito, leggendo il suo manifesto elettorale, mi viene da dire “Forza Beppe”, e scivergli un messaggio per fargli sapere che ha un voto assicurato. E’ anche venuto bene, nella foto del manifesto che si vede sul suo blog. E’ che in quel manifesto si vede anche il simbolo dei Verdi. Pecoraro Scanio, non so se avete presente.
    Dunque, Beppe è in lista con i Verdi. Intendiamoci, c’è di peggio in giro (niente link, il traffic building se lo facciano da sè); ma la faccenda è questa: che per votare Beppe, devo votare Verdi. E questo mi sballa un po’ i programmi elettorali. Perchè non si tratta esattamente del tipo di sinistra che io vorrei votare.
    Beppe professa la sua indipendenza, e punta molto sulla particolarità della sua candidatura, sul suo essere spinta dal basso, dalla Rete. Non ho motivo di non credergli, ma, al tempo stesso, mi chiedo se un voto dato a Beppe è anche un voto dato a tutte quelle posizioni dei Verdi che mi facevano propendere per altre scelte. Una volta che Beppe, se verrà eletto, avrà preso e sostenuto le sue posizioni (quelle che conosciamo, insomma) sulle reti telematiche, sulle comunità open source, cosa farà quando ci sarà da esprimersi, da votare sulle mille altre questioni che gli si proporranno di fronte? Gli toccherà piegarsi alla disciplina di partito? Sì? Allora votare Beppe significa votare Pecoraro Scanio. No? Allora Beppe è un indipendente e non dovrebbe aver marchi.
    Insomma, chi votiamo quando e se andiamo a votare: il candidato o il partito? Io credo di aver sempre votato il partito, e non penso di aver sbagliato. Ma magari sì, e mi piacerebbe che qualcuno me lo spiegasse.

    Tutto e il contrario di tutto

    Filed under: — JE6 @ 10:56

    What we seem to have once again with Mr. Powell is a desire to have it both ways, to be seen as a loyal member of the Bush team, but also as a wise man who knew all along that the Iraq war would be a mistake.
    (…) Knowing that Mr. Powell thought the invasion was a bad idea doesn’t make him look better — it makes his inaction puzzling and disappointing.

    Un modo elegante per dire che non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca, insomma.
    NYT

    Casi della vita: dieci minuti dopo aver pubblicato questo post, accendo su RadioDue per ascoltare Condor. Stacco musicale, poi Luca inizia a parlare proprio di questo articolo, e usa l’espressione “botte piena e moglie ubriaca”. Così, cose che capitano.