< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • July 2005
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    05/07/2005

    Senza patria?

    Filed under: — JE6 @ 12:35

    La sera che ho letto questo post di Brodo, nonostante le mie origini e il mio immutato affetto per la Madre Patria, non mi sono minimamente sentito chiamato in causa, nè tantomeno offeso. Forse perchè conosco Carlo, e so che avrebbe scritto paro-paro la seconda parte del post se la bandiera sventolata fosse stata quella della Lucania o della Valpolicella. O forse perchè sono figlio di un carabiniere – il che, in questo paese, ti insegna presto ad avere a che fare con lo humour che prende di mira i tuoi affetti più cari.
    Leggo però inferocimenti di ogni tipo e intensità e mi chiedo chi è che sta prendendo la cantonata. Mi verrebbe da dire che è tutto frutto di un malinteso; è che poi va a finire che mi danno del terzista-buonista, e allora lascio perdere (ma facciamo che, per il sottoscritto, ha già detto – e bene – BGeorg nei commenti di Yaub).