< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • December 2006
    M T W T F S S
    « Nov   Jan »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/12/2006

    I bei tempi di Gloria Guida

    Filed under: — JE6 @ 14:34

    La pagina del cinema del Magazine del Corriere della Sera di oggi, sul serio, è magnifica: nel taglio basso, Kezich prima si chiede perchè i critici cinematografici (lui incluso) sono antipatici, giungendo alla conclusione che lo sono perchè fanno i critici, e poi celebra “Un’ottima annata” di Ridley Scott; esattamente il film che sia nel numero scorso, sia in questo (sei o sette centimetri più sopra) Claudio Carabba stronca senza pietà: “Ridley (Scott, ndr) si è sbronzato con pessimi effetti nella dolce Provenza“.
    Ma la chicca sta nella recensione di “Olè“, nuova pietra miliare della fulgida carriera di Massimo Boldi, che Carabba chiude con una frase che costerà a lui la carriera di critico (ma che gli guadagnerà tanto la simpatia di Kezich quanto le sperticate lodi di migliaia di 35-45enni), assicurandola al contempo ad Armando er greve: “Peccato che non ci siano nella classe un ‘Pierino-Vitali’ adeguato e un’acerba liceale da spogliare“.
    Corriere della Sera Magazine (hard copy), Giovani Tromboni, MyMovies

    Leave a Reply