< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • December 2006
    M T W T F S S
    « Nov   Jan »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/12/2006

    Sensazionalmente

    Filed under: — JE6 @ 11:05

    Potenza degli avverbi: Scarlett Johansson dice che lei non ha mica problemi a recitare nuda (anche se poi, quando lo fa, pare che la gente si affaccendi in tutt’altro – tipo consultare il proprio Blackberry), anzi ha proprio voglia di farlo purch√® il progetto sia sensazionalmente europeo – non so, dico io, un nuovo spot per le Amica Chips potrebbe andar bene?
    Corriere.it

    2 Responses to “Sensazionalmente”

    1. chamberlain Says:

      io continuo a pensare che sj sarebbe stata un’ottima pornostar.

    2. Squonk Says:

      Lei mi toglie le parole di bocca (d’altra parte, basta la scena iniziale di “Lost In Translation” per far capire che le sue sliding doors l’hanno portata nella direzione sbagliata).

    Leave a Reply