< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Per saperne di più
  • All’inizio del mondo
  • “What’s up, fellas”
  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • January 2007
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/01/2007

    5 cose che non vorrei sapere di me

    Filed under: — JE6 @ 07:56

    Non che ci tenga particolarmente (come scrive giustamente il saggio Gaspar: le 5 cose che non sai di me sono tali perché non te ne ho mai parlato sul blog; e se non te ne ho mai parlato è perché ho i miei buoni motivi), ma visto che vengo coinvolto (grazie Vale) nella catena di inizio anno, eccoci qui:
    1. A differenza della Maestrina, non ho ancora imparato – e dubito che lo farò mai – a tuffarmi di testa
    2. Amo i numeri dispari e non sopporto quelli pari
    3. Attraversando la strada, cerco sempre di poggiare il piede (preferibilmente il destro) sul bianco della strisce pedonali
    4. Odio il mio nome
    5. Sono totalmente negato per i lavori manuali, in casa il cacciavite lo adopera il 51% della famiglia (che, comprensibilmente, un giorno lo userà su di me).
    Adesso, così per farsi dei nemici di prima mattina, passiamo un po’ la palla: vedete se riuscite a farvi quattro risate alle spalle di Achille, Lester, Libero Gilera, il PCI e Lellina.

    8 Responses to “5 cose che non vorrei sapere di me”

    1. Tengi Says:

      se vuoi ti insegno io a tuffarti di testa, ma non ad usare il cacciavite.
      Il fatto di camminare evitando di pestare le righe pare sia sinonimo di genialità…

    2. Achille Says:

      Lei è proprio simpatico, caro il mio Sergio.

    3. American Beauty Says:

      Catene

      Catene Devo ringraziare Sir Squonk, per avermi passato la palla e avermi quindi costretto a scrivere qualcosa. Senza di lui avrei negligentemente permesso che l’attività lavorativa mi distogliesse da quella blogghistica. Quindi, anche se questo

    4. papi Says:

      (Delurking day)A me il Suo nome piace e spezzo una lancia per i numeri pari. Le ricordo che sono più cicciotti e alcuni sono perfino disposti a farsi in quattro.

    5. laflauta Says:

      Certo che qua i suoi lettori usano mezzi che io ignoro. trackback. un giorno, a chioggia, mi spiegherà cosa e come e perchè. e soprattutto, se anche senza.

      Ma ci viene il 4?

    6. Squonk Says:

      Tengi: ergo sono un perfetto imbecille, dato che io tento in tutti i modi di calpestarle.
      Achille: vero?
      Lester: la mia buona azione quotidiana.
      Papi: scambiamoceli, allora, ‘sti nomi. Sui numeri pari, non mi avrà.
      Fla’, di che parla? Il 4? Quante ombre si è fatta a quest’ora?

    7. farfintadiesseresani Says:

      I dispari. Certo. I dispari.

    8. Lellina Says:

      5 cose…

      5 cose che non sai di me Già che non vorrei apparir maleducata, che mi s’invita e non accettare pare brutto, dovrei stare a raccontarvi di almeno cinque cose che nessuno di voi sa. Facciamo che tralasciamo dal il consorte, che se no diventa com

    Leave a Reply