< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • January 2007
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    09/01/2007

    Fuori come va?

    Filed under: — JE6 @ 09:06

    Io sono affascinato dalle persone che hanno Visioni. Non parlo di fantasmi e cose del genere, no. Visioni, con la maiuscola. Visioni, idee complessive del mondo. L’altra sera, un amico mi ha scritto “Vedo invece che tu hai sempre un bel parere ed una bella idea quasi su tutto, ti invidio in questo“; fatta la tara delle smancerie tra amici, gli ho risposto “io ho dei pareri, ma non ho una visione, che forse √® la cosa che conta“.
    Guardo le cose, leggo, mi informo. Ma faccio una dannata fatica a mettere le cose insieme, a unire in una idea del mondo i pacs, il surriscaldamento globale, i diritti televisivi del calcio, la chiusura di un fan club di Britney Spears, le staminali nel liquido amniotico, la verifica di governo, l’iscrizione alla prima elementare della persona corta, le migliaia di euro che devo pagare al notaio, il download degli mp3. Eccetera. Eppure mi sembra che un sacco di gente questa idea ce l’abbia, riesca a trovare connessioni, legami logici, riesca a spiegarsi le cose, riesca ad avere una struttura di pensiero e di analisi sulle cose che vede e che vive – direttamente o di riflesso.
    Ripeto, sono affascinato da queste persone, e ne sono anche un po’ invidioso. A spizzichi e bocconi sta arrivando il momento di provare a spiegare alla persona corta come vanno le cose del mondo, e mi rendo conto che non lo so, io non lo so come vanno le cose del mondo.