< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • January 2007
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    11/01/2007

    Un impegno con i lettori

    Filed under: — JE6 @ 13:56

    Il titolare qui, almeno per i prossimi sei mesi, farà ogni sforzo permessogli dalla sua debole fibra per non parlare del nuovo aggeggio di Steve Jobs – sì, quello capace di vendere ghiaccio agli eschimesi, sabbia ai beduini e post ai blogger.

    Il puzzle di Chatwin

    Filed under: — JE6 @ 11:19

    Un po’ gli impegni, un po’ i neuroni brasati, un po’ (inserire scusa almeno parzialmente credibile), un po’ il fatto che il titolare qui alle cose di moda arriva sempre con abbondante ritardo – comunque qui non si era ancora citata la nuova avventura blog-letteraria che passa sotto il nome di Buràn.
    Rubo al mio vecchio compagno di merende, l’immarcescibile e poliedrico Herr Effe, la presentazione della rivista on-line: “Ci sono mondi che raccontano e si raccontano, là fuori. Mondi distanti e differenti, voci che chiedono ascolto. Buràn annulla il silenzio che rende mute le voci, superando distanze e lingue altre“.
    Siccome sono un semplice, di fronte a frasi come “il Materiale morde la realtà” io mi smarrisco – e poi, a me l’idea di essere morso da qualcosa che leggo inquieta un po’ – però nel primo numero si parla di lavoro, e il pezzo del lavapiatti recluso in Antartide vale la pena di esser letto (come gli altri, immagino). Paragonerei Buràn ad un puzzle chatwiniano, se non lo considerassi un insulto sanguinoso – ma siccome il vecchio Bruce continua inspiegabilmente ad avere fedeli ammiratori, così sia: e vento nelle vele a voi.
    Buràn, Herzog

    Reunion(s)

    Filed under: — JE6 @ 08:06

    Spero che fra qualche mese i Genesis non mi intristiscano quanto hanno fatto ieri sera Cochi e Renato [1].

    [1] Ho visto solo lo sketch di parodia dell’Isola dei famosi – e tanto mi è bastato.