< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • January 2007
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    16/01/2007

    A volte ritornano

    Filed under: — JE6 @ 18:08

    Il Dottor Lamanna è tornato. A differenza di Paolo, lo piazzo subito nel blogroll – welcome back, sir.
    IMHO

    Purtroppo è così

    Filed under: — JE6 @ 14:24

    Io non credo che i partiti siano tutti uguali. Però c’è qualcuno che si impegna molto per farmelo pensare.
    Il Velino (via Wittgenstein)

    Lei è peggio di me

    Filed under: — JE6 @ 13:32

    Leggendo questo articolo di Paolo Berizzi su Repubblica pensavo alla bizzarria del famoso codice etico dei carcerati. Non perchè questi ne debbano per forza essere sprovvisti, e l’affermazione della sua esistenza suoni una contraddizione in termini: ma per il suo seguire una logica – e, appunto, un’etica – del tutto propria: e chissà se questa si crea e si assimila in carcere, o chi entra in carcere ne è già intriso.
    Perchè, non fosse per i fatti che originano queste poco originali riflessioni, verrebbe da sorridere nel leggere della donna “dentro per storie di droga” che rifiuta la sola idea di incrociare lo sguardo dell’assassina, e in particolare dell’assassina di bambini; con ogni probabilità, quelle “storie di droga” sono cose di relativo poco conto, qualche panetto di hashish. Ma probabilmente l’atteggiamento sarebbe lo stesso se si trattasse di etti o chili di cocaina o di eroina: e la detenuta in questione continuerebbe a sentirsi “migliore”, considerando più grave l’omicidio diretto di una persona rispetto a quello indiretto mediante cessione di certi stupefacenti.
    Vorrei chiarire: non giudico, o quantomeno cerco di non farlo. Rileggendomi, trovo una vena di moralismo nemmeno tanto nascosta. Però, diciamo che vorrei capire, se questo fosse possibile.
    Repubblica.it

    Magari è quello che mi immagino io

    Filed under: — JE6 @ 08:34

    Voi che siete persone di mondo, avete una almeno pallida idea di cosa sia una spiaggia sexy? E se sì, sareste così gentili da spiegarlo al titolare qui?
    Repubblica.it