< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • January 2007
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    24/01/2007

    Il grande tiepido

    Filed under: — JE6 @ 11:03

    Ieri sera, di ritorno dal Belgio. Ritrovo di sei superstiti del corso di laurea in Economia Aziendale del 1985. Arrivo quando gli altri cinque sono al dolce. Abbracci, pacche sulle spalle – alcuni di loro non li vedevo da più di dieci anni. Hai visto quella, ti ricordi quell’altra, e l’esame di organizzazione, e il professor A., eccetera. Mi fa piacere (ri)vederli, e anche provare un po’ di sana invidia per quello che è diventato managing director di una banca (belga, tu guarda le coincidenze) o per quello che si è comprato il kart (però ne ha già fuso il motore, ma non ti ha detto nessuno che non puoi andare sempre a tavoletta?).
    Ma mi chiedo che cosa ci teneva insieme, oltre agli esami ed ai progetti, mi chiedo se riusciremo davvero a ritrovarci tra qualche mese intorno a quel tavolo da biliardo in provincia di Pavia, mi chiedo se la colla non si sia definitivamente seccata e adesso non tenga più, perchè non riesco a leggere tra le loro parole e nei loro occhi per capire chi e cosa e come sono adesso (e so che nemmeno loro riescono a farlo, con me). Però preferisco pensare che sia ancora (quasi) tutto possibile e almeno per una sera o per un giorno avere quaranta e vent’anni al tempo stesso.