< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • February 2007
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    05/02/2007

    Consigli per l’omicidio

    Filed under: — JE6 @ 11:17

    Leggendo l’intervista a Pietro Maso [1] pubblicata da Repubblica non sono riuscito a evitare il pensiero della persona corta (diventata un po’ meno corta) armata di coltello che mi sgozza al rientro a casa. Poi, pensando a questi ragazzi di cui parla Maso, quelli che gli scrivono descrivendogli il loro odio per i genitori e le loro intenzioni omicide, mi sono detto che se solo la metà di ciò che Maso riferisce è vero, c’è un sacco di gente che deve andare a dormire preoccupata anzicheno, e insomma non si può dire che questo sia un bel vivere – ma poi, quelle lettere saranno firmate?
    Repubblica.it

    [1] Definiamola tale, anche se Paolo Berizzi, che la firma, scrive onestamente che si tratta della trascrizione del colloquio avuto da Maso con un consigliere regionale lombardo. Se state alzando il sopracciglio all’idea che quest’ultimo si sia messo a verbalizzare il suo incontro con il detenuto, sappiate che l’ho fatto anch’io, ma tant’è.