< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Noi e loro
  • Manifestazioni molto pacifiche
  • La moneta di Prizren
  • Un pomeriggio al cinema
  • Le finte della storia
  • Zia
  • Il sol dell’avvenire
  • Nessuno
  • Rinnovi
  • Farsene un’idea
  • February 2007
    M T W T F S S
    « Jan   Mar »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    14/02/2007

    Greetings from Brussels ’07 (2) – 1. Sarà per la prossima volta

    Filed under: — JE6 @ 22:15

    Arrivo a Bruxelles che è ormai sera. Nove aerei e nove aeroporti in otto giorni, e domani aerei e aeroporti saranno dieci. Pioviggina. C’è il traffico bestiale delle grandi metropoli nell’ora di punta. Vedo il centro della capitale del Belgio più frequentemente di quanto non veda il centro di Milano; insomma, il programma della serata consiste nel fare duecento metri a piedi per andare a cena a La Brouette – sandwich al prosciutto delle Fiandre, biere blanche di Bruges e Westmalle – e altri duecento metri per tornare in albergo. La Grand Place non è cambiata, negli ultimi venti giorni (a parte l’apertura di un centro Dianetics, ecco), e ho bisogno di un po’ di riposo (gli splendidi quarantenni hanno pur sempre quarant’anni): i greetings saranno per un’altra volta.

    Pozdrav z Prelouc – 1. Come a casa

    Filed under: — JE6 @ 22:02

    Per motivi che non vale la pena stare qui a raccontare, finisco per trovarmi su una Skoda lanciata a 170 all’ora su un’autostrada ceca, in compagnia di un imprenditore locale che indossa un parente stretto di un sacco di juta, e di una insegnante di inglese che fa da interprete e che mi fa sapere di gestire, insieme al marito, una sorta di pub in un villaggio di duecento anime (babe, I’m your man). Tutto sommato, basta uscire da Praga per entrare in un mondo che non sembra essere tanto distante dal nostro, dal mio: i campi e i pioppeti e i paesini e l’orizzonte piatto, come in Lomellina, o a San Martino in Rio, o nella pianura piacentina. Ci ritroviamo a parlare di viaggi, di figli, di vino e di birra, di traffico, con la confidenza che si regala agli estranei; quando scendo dalla macchina, sono in un microscopico paesino della provincia ceca: mi chiedo “cosa ci faccio qui?”, e subito mi rispondo che il motivo lo so bene (ed è quello per cui mi pagano), e che anche se non lo sapessi, beh, in fondo non sarebbe un problema.