< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • October 2009
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    05/10/2009

    And the winner is

    Filed under: — JE6 @ 14:39

    Anche se è una tentazione ogni giorno forte come il giorno precedente, è da tanto tempo che ho rinunciato a ritenere il microcosmo che in qualche modo frequento rappresentativo dell’universo mondo; per questo non mi sono stupito quando l’altra sera questo pezzo di Ilenia è stato premiato come il post dell’anno in occasione della BlogFest. Una gran parte del mio microcosmo, e io non facevo differenza, sperava che quella manciata di righe venisse premiata; non perché un premio – quel premio – fosse una Superiore Attestazione, un qualcosa dal valore assoluto, la Prova Provata della Qualità e della Bravura: siamo tutti abbastanza adulti e cinici per non credere in queste sciocchezze. Piuttosto perché a volte capita che qualcuno scriva per te, e usi le sue parole per esprimere qualcosa che hai dentro, che ti senti, che sentono tanti – forse tutti – anche se non è bello ammetterlo (chissà poi perché, quasi fosse una colpa). Raccontare di certe cose significa avventurarsi in un terreno minato: la melassa, la pornografia dei sentimenti, l’esibizionismo ammantato di bontà – bum, bum, bum. C’è chi pensa che non vi sia salvezza, che non si possa e non si debba raccontare di morte, di amore, di sentimenti, di genitori e di figli, di dolore, di malattia, c’è chi pensa che tutto questo sia talmente privato da essere irrimediabilmente sporcato se diventa pubblico. Io non credo che sia così, io credo a quelle poche parole di Garcìa Marquez – “La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla” – e sono così ingenuo da credere anche alla capacità purificatrice del talento, ammesso che vi sia qualcosa di impuro da mondare dai peccati di superbia e di mancanza di pudore. Potrei fare mille esempi, Levi, Eggers, Roth. Immagino che apparirebbe stupido e sproporzionato usarli per parlare di un post in un blog, e allora non lo farò, dirò solo che sono stato contento, per Ilenia ma non solo, e che ogni tanto toccare quel che di umano abbiamo tutti fa solo bene, anche se mostrarlo non è cool.