< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • October 2009
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    26/10/2009

    Con calma, quando avete tempo

    Filed under: — JE6 @ 09:43

    Trovo francamente un po’ patetico, a sconfitta passata in giudicato, ricordare che Bersani sosteneva che il segretario doveva essere scelto dagli iscritti come se questa idea, che resta di puro buonsenso (sostenuta da una considerazione pratica: che cazzo facciamo se due elezioni per la stessa carica danno due risultati diversi a due settimane di distanza l’una dall’altra), togliesse valore alle primarie e quindi illuminasse di luce ironica la vittoria del Bersani medesimo. Adesso – con calma, eh: qui si è pazienti – aspettiamo da franceschiniani e mariniani approfondite disamine sul come e perché la società civile abbia votato in massa l’uomo di apparato, il grigio burocrate che schifa la gggente. Ah, certo: ha vinto il PD (buona), noi siamo gli unici che crescono nella società (buona-bis). Va bene.