< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • February 2010
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    17/02/2010

    Termometro

    Filed under: — JE6 @ 16:20

    Non so voi, io ho questo termometro dell’umore – andare in giro, anche il solito tragitto casa-ufficio – e non vedere nulla e nessuno che per me* valga la pena di essere raccontato, nemmeno ai colleghi bevendo il caffè. Ecco, ‘sti giorni sono un po’ così.
    [* = mettere le mani avanti]

    Giorno di festa

    Filed under: — JE6 @ 09:16

    Devo essere io che con il Carnevale ho un rapporto poco sereno – diciamo di fastidio, ecco – ma stamattina guardavo un pezzo del TG di Sky sul Carnevale di Venezia, e lo guardavo senza audio perché era ancora presto, e così ho potuto osservare bene le maschere e non so, a me sembrava di ricordare che il Carnevale fosse una festa, una cosa di gioia-allegria-felicità-matterisate, e invece era tutto uno sfarzo di costumi fighissimi e sontuosi e di maschere tanto fisse e tristi da essere inquietanti – ma ci dev’essere qualcosa che mi sfugge di sicuro se ottocentomila persone vanno ad accalcarsi in piazza San Marco per vedere una sfilata di zombie di George Romero.