< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • July 2011
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    07/07/2011

    Le figurine, viste dall’alto

    Filed under: — JE6 @ 12:12

    Ci sono questi alberghi, a Las Vegas. In realtà non è la parola giusta, loro in generale li chiamano resort, puoi entrare e non uscirne più. Cinquemila stanze, trenta piani, quattro ali, venti minuti abbondanti per attraversarli, per andare da un ingresso a quello opposto. Quando viene buio li guardi da fuori, e li vedi brillare – il verde elettrico dell’MGM, il rosso e il blu e il giallo del Mandalay, il rosso dell’Hollywood, il bianco delle fontane del Bellagio; li fissi, con i piedi che calpestano le figurine delle puttane a quaranta dollari sparse sui marciapiedi della Strip, li guardi come dei totem enormi che ti ipnotizzano, a volte fai “oh” senza accorgertene. Poi torni in camera, prendi l’ascensore, sali. Sali, sali, sali, percorri i lunghissimi corridoi, passi a fianco della macchina del ghiaccio, su una porta sono appesi i festoni di un piccolo party di compleanno, entri, vai alla finestra, e fissi le stesse luci, da dentro, da un altro punto di vista, le fissi dall’alto, da molto in alto. Là sotto ci sono ancora le figurine sui marciapiedi.