< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Fortza Paris
  • One World

  • Download

    Greetings from (pdf)
    My Own Private Milano (pdf)
    On The Blog (pdf)
    Cinque birilli (pdf)

    Post sotto l'Albero
    ---------------------------
    2003
    2004
    2005
    2006
    2007
    2008
    2009
    2009 (ePub)
    2009 (mobi)
    2010
    2010 (iPad)
    2010 (ePub)
    2010 (mobi)
    2010 (mobi indexed)

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • (Grosso e) Rosso
  • Prendi parti e non torni più
  • Te lo ricordi Charlie?
  • “Sì, capisco”
  • Pane al pane
  • Il passato è in bianco e nero
  • Buoni motivi
  • A shallow meaningless party
  • L’anno della marmotta
  • In nome della legge
  • Allora è così
  • Abiti e matite
  • Mutandine rosse
  • In fondo, senza troppi lividi
  • Parola dell’attore
  • Canta Appress’ A Nuie
  • Com’è il buio
  • L’anno che è arrivato
  • Crazy Horse, tipo
  • Tra parentesi
  • Mi fa grigie queste ore
  • Un lavoro fatto bene
  • Did it need to be so high?
  • Le cose che siamo, Business Edition
  • I morti della marmotta
  • Una firma qui, per cortesia
  • ll mare d’autunno
  • Vedere com’è essere qui
  • Altro da aggiungere non vi è
  • E’ possibile
  • Daysleeper
  • Abbi Fedez
  • Have a little faith in you
  • Nel preciso istante
  • In serie
  • Così, per dire
  • La pelle dell’orso
  • Che bello
  • Ma ti ricordi
  • Ciao come stai
  • March 2015
    M T W T F S S
    « Feb    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    11/7/2007

    Pover’uomo

    Filed under: — Sir Squonk @ 08:58

    Non pensavo che avrei mai vissuto un momento del genere, ma ieri, quando ho letto la “notizia” del primo figlio di Umberto Bossi che vuole andare a fare L’isola dei famosi [1] non ho potuto fare a meno di provare un moto di umana compassione nei confronti dello sventurato padre, roba che gli avrei offerto una Chinamartini calda in un bar di Gemonio, battendogli una mano sulla spalla per tirargli su il morale.
    [1] Poi, d’accordo, forse è meglio non stare a sottilizzare, dicendo che è più facile e normale parlare con il proprio padre alzando la cornetta del telefono, piuttosto che attraverso un settimanale a diffusione nazionale.

    5 Responses to “Pover’uomo”

    1. severine Says:

      Però quando dice “Lo mando io sull’isola a calci nel culo”, o qualcosa di molto simile, il senatur riscuote la mia incondizionata simpatia.

    2. Squonk Says:

      Oh sì, senza dubbio. Viene anche lei a farsi una Chinamartini?

    3. severine Says:

      Dovrei lasciare il papà a casa solo, alle prese con fate-la-nanna-coscine-di-pollo e amenità varie, non so se è carino.

    4. Squonk Says:

      La adoro, quando è così retrò.

    5. farfintadiesseresani Says:

      Una Chinamartini anche per me, grazie.

    Leave a Reply