< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • July 2007
    M T W T F S S
    « Jun   Aug »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    23/07/2007

    Wish you were here

    Filed under: — JE6 @ 12:14

    A quanto pare non ci sono novità sulla sorte di ePolis. Per quel che vale, qui ci si augura di poterlo rileggere presto.
    inToscana, Panktalk

    Benaltrismo

    Filed under: — JE6 @ 10:23

    Adesso che il numero di concorrenti all’ambita poltrona di segretario del PD supera quello delle dita di una mano, si può dire che il problema non è quello di quanti sono quelli che sgomitano per conquistare la carica, ma di come si comporteranno “dopo” quelli che perderanno la gara (concorrenti e supporters)?

    c/c postale 16951204

    Filed under: — JE6 @ 09:39

    La vedo seduta su una poltroncina, al centro del terrazzo assolato. Ne intuisco l’età avanzata e la fragilità del corpo; i capelli sono di un bianco quasi accecante, anche nella luce forte di questo luglio torrido. Ai due lati le stanno un uomo e una donna. Questa rimane in piedi, mentre lui si china, sedendosi sui talloni e portando il proprio volto all’altezza di quello dell’anziana donna sulla poltroncina: lei, con lo sforzo che solo l’amore e la stanchezza e la consapevolezza del proprio destino possono giustificare, inizia ad accarezzargli la guancia, e la nuca. Sono lontano forse una trentina di metri, ma posso avvertire la tenerezza di quel gesto come se mi trovassi a pochi centimetri, come se quella carezza la ricevessi io. Finisco il mio giro, mi volto nuovamente a guardarli – sono ancora tutti e tre lì, in pieno sole. L’uomo si è rialzato, immagino che tra poco riporterà l’anziana donna nella sua stanza, al di là della vetrata, e ricambierà la carezza, sperando di avere almeno un’altra occasione.
    Vidas