< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • July 2007
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    18/07/2007

    Bella figura

    Filed under: — JE6 @ 15:07

    I quindici secondi più simbolici della puntata di ieri sera di “W l’Italia – diretta“, trasmessa da quella Locri che tanto piace alla stampa, sono stati quelli durante i quali Nicola Gratteri, sostituto procuratore della Procura di Reggio, ha detto a Riccardo Iacona, indicando una vettura dei Carabinieri ed una della Polizia che facevano bella mostra di sè sullo sfondo: “vede quelle macchine? Beh, è tutta una finta, qui non ci sono macchine del genere, ci sono solo macchine che hanno trecentomila chilometri e che si rompono ogni due giorni; sono state portate qui per fare bella figura“.
    W l’Italia

    E le stelle non stanno a guardare

    Filed under: — JE6 @ 10:15

    Lo sventurato Suzukimaruti è caduto nel gorgo del rifacimento del passaporto, che qui ben si conosce. La cosa più divertente – ponendosi nell’ottica “ridere per non piangere” – non è tanto il bizantinismo dell’intero processo, quanto il fatto che questo assume contorni e contenuti largamente diversi da città a città, e spesso anche all’interno della città stessa (nel mio caso, almeno per quanto riguarda la durata prevista dell’attesa per il rinnovo, persino all’interno dello stesso ufficio – siamo passati da 40 a 25 giorni, vi terrò informati), trasformando così un’operazione che dovrebbe essere uno standard a Malles come a Pantelleria in una simpatica lotteria dominata dalle congiunzioni astrali.
    Suzukimaruti

    Dimensioni parallele

    Filed under: — JE6 @ 07:03

    Ognuno vive nel suo microcosmo, che spesso non comunica con il resto del mondo. Detto questo, in quale galassia bisogna trasferirsi per trovare almeno una persona che chiede a gran voce a Gustavo Selva di non dimettersi dalla carica di senatore?
    Ansa