< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • July 2007
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    19/07/2007

    Identità multiple

    Filed under: — JE6 @ 15:00

    Lapo Elkann è uscito con Lindsay Lohan perchè questa gli ricordava Martina Stella. Poi la Lohan si è resa conto della somiglianza ed ha piantato Lapo.
    Yahoo News

    Terzismi

    Filed under: — JE6 @ 09:22

    Obbligato dalla necessità di non abusare di spazio altrui, Leonardo sintetizza così, nei commenti a questo post di Suzukimaruti, il suo pensiero sul famigerato scontro o patto tra generazioni:
    “(…)i famosi giovani, quelli che dovrebbero marciare a Roma per non mandare in pensione i nonni o i genitori, non ci sono.
    Non ci sono perché in realtà molti giovani non sono affatto elettrizzati dalla prospettiva che genitori e nonni vadano in pensione più tardi, in quanto dopo decenni di paghette tendono a considerare il nonno o il genitore principalmente come una risorsa. Se andrà in pensione presto non solo lascerà libero un posto di lavoro, ma integrerà la pensione col lavoro nero, baderà ai nipotini, insomma assolverà pienamente al suo ruolo di piccolo welfare state personale”
    .
    Bene. Partiamo dall’assunto che Leo abbia ragione, cioè che fotografi correttamente la situazione. E chiediamoci: è un bene che le cose stiano così?
    Io penso di no.
    Io penso che un sistema nel quale un figlio unico è privilegiato rispetto a chi ha un fratello ed è molto privilegiato rispetto ad un orfano sia un sistema sbagliato.
    Io penso che sia un male dover dipendere dalla propria famiglia di origine per servizi che dovrebbero essere finanziati e gestiti dallo Stato, utilizzando i genitori come – appunto – surrogato del welfare. Se il mio nucleo familiare si spostasse oggi da Milano a, chessò, Piombino, dovrei poter contare su un welfare di base identico nelle due città: prescindendo dalla presenza fisica dei miei genitori e di quelli di mia moglie. Se così non fosse, quasi tutte le alternative che mi troverei di fronte sarebbero peggiori dello status quo: diminuzione della copertura ricevuta, spostamento coatto di altre persone, rinuncia allo spostamento. Certo, potrei essere fortunato e trovare a Piombino un welfare di base superiore a quello di cui posso godere a Milano: ma a quel punto sarebbe facile ribaltare il discorso mettendosi nei panni di un piombinese.
    Io penso che sia sbagliato creare un sistema che impone a chi va in pensione di continuare a lavorare nelle vesti di assistente sociale a sostegno dei figli, obbligandolo a fare il badante causa mancanza di alternative: portare i nipoti all’asilo, andare a riprenderli, fare le code in posta o in banca o all’anagrafe.
    Io penso che non ci dovrebbe essere nè scontro nè patto tra generazioni.
    Però, notoriamente, io sono un terzista.

    Fino ad ora

    Filed under: — JE6 @ 07:26

    Ieri sera ho appreso, via mail, che “iMille sostengono Veltroni – Lo ha deciso il gruppo di persone che ha guidato il movimento fino ad ora.”
    Da altre parti ho invece appreso che iMille sono “liberi finalmente di non occuparsi della noiosa questione delle primarie per la leadership, avendo scelto coerentemente di non mandare avanti nessuno in particolare e concentrare gli sforzi sull’elezione dei delegati“.
    Al momento mi viene da dire, in ordine sparso, che:
    1. Ho parecchi dubbi su Veltroni, che mi rendo conto di considerare come il male minore (e non è detto che da qui a ottobre non venga sostituito nel ruolo)
    2. La giustapposizione delle due frasi sopra riportate ricorda molto l’interessante dibattito sull’uovo e la gallina
    3. Per una volta, smuoverò il fondoschiena e andrò a sentire con le mie orecchie che cosa iMille hanno da dire
    Poi, al massimo, voto Mastella.
    iMille, Wittgenstein