< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • July 2007
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    16/07/2007

    Occhiali da sola

    Filed under: — JE6 @ 16:14

    Pur avendo presente un certo numero di casi nei quali l’uso dell’accessorio incriminato ha una chiara utilità sociale (il mantenimento e l’educazione al bello, e quindi la rimozione del brutto – cose così), questo blog appoggia incondizionatamente l’accorato appello di EmmeBi per la pronta e completa distruzione dell’occhialone da sole.
    EmmeBi

    Dev’essere il caldo

    Filed under: — JE6 @ 15:21

    In questo momento, le statistiche del trabiccolo che state leggendo dicono che la permanenza media sul sito è pari a 2.9321518983225E+15m:00s, mentre quella media a pagina è di 1.3484462042185E+15m:48s. Magari voi siete in grado di tradurre.

    I know what I like – part three

    Filed under: — JE6 @ 08:19

    Facciamo così, l’anno prossimo al posto di Picco portiamo Mike, Tony e Phil, così evitiamo le diaspore e siamo tutti contenti.
    Mantellini

    I know what I like – part two

    Filed under: — JE6 @ 07:50

    Alla fine, tutto si riduce a “mi piace” [1]. E siccome non c’è niente di importante in ballo – sono solo canzonette – i 500-e-passa-mila che stanno a prendere polvere e bere birra appena fresca lì al Circo Massimo non hanno altro che, semplicemente, ragione. E gli altri, anche quelli che pensano che quattro ragazzini con pettinature improbabili che gridavano aiuto (richiesta che avrebbe dovuto esser fatta dagli ascoltatori, forse) altro non erano che le incarnazioni dell’Assoluto, del Nuovo e della Meraviglia – anche quegli altri hanno, a modo loro, ragione. Li si lasci nel loro brodo, e non se ne parli più.

    [1] Che è una delle poche cose che rimangono dal libro di Edoardo Klammhttp://klamm.splinder.com/ Camurri – e dovrò riflettere sul perchè compro libri del genere, ma questo è un altro discorso.