< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • July 2007
    M T W T F S S
    « Jun   Aug »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/07/2007

    Al ribasso

    Filed under: — JE6 @ 11:09

    Mi chiedo se il passaggio di Gustavo Selva da AN a Forza Italia sia più esplicativo del richiedente o dell’accettante, e non riesco a decidermi sulla risposta.
    Corriere.it

    Solo per una notte

    Filed under: — JE6 @ 10:10

    Ieri sera, guardando gli ultimi minuti della puntata di “Sfide” dedicata al mondiale di calcio 2006, e ricordando il ruggito che esplose dalla mia gola come da quella di – più o meno – altri cinquanta milioni di miei concittadini nel momento in cui Fabio Grosso segnò il quinto rigore, e gli abbracci, l’incredulità, i minuti di quella sensazione che mi spingerei a definire di gioia pura, ho pensato che la stessa cosa era successa poche ore prima a Baghdad e nel resto dell’Iraq: lo sappiamo tutti che un gol non cambia la vita, ma per dieci minuti, o mezza giornata, può anche regalare un sorriso – che forse per noi non è una cosa fondamentale, ma in riva all’Eufrate può avere la sua importanza.
    La Stampa