< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • June 2005
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    20/06/2005

    Greetings from Cannes – 4. Low profile

    Filed under: — JE6 @ 15:52

    Che sono un piccolo borghese l’ho gia’ scritto. Sara’ per quello che sono arrivato a Cannes credendo di trovarmi in un posto ricco e finto come la Puerto Banus che ho visitato qualche anno fa. Invece, anche considerando i faccioni di John Travolta e Jamie Lee Curtis (io-amo-quella-doona) che adornano i muri dalle parti del Casino, mi sembra una Pietraligure piu’ grande, bella e sorridente, e meno superba. Ma forse a renderla cosi’ sono le centinaia di pubblicitari che, smessi i panni dei key global account supervising manager indossano quelli dei ragazzi che sono, che si godono il sole, i gelati, le grandi tette delle ragazze e il mare. Per fare le iene e rovinare una citta’ ci saranno mille altre occasioni, una volta tornati a casa.

    Greetings from Cannes – 3. Il mio corpo che cambia

    Filed under: — JE6 @ 15:44

    Tre ore libere. Trenta gradi, un costume e una spiaggia gratuita (a Cannes ci sono le spiagge gratuite; gra-tu-i-te; lungo la Croisette). Cosi’, si prende un asciugamano in albergo, il libro di Simenon e ci si mischia tra i bagnanti. E si osserva il proprio corpo, mettendolo a confronto con quello delle decine di venticinquenni che sono li’ per gli stessi motivi per cui ci sei tu (il lavoro e il mare). Inutile dire che dal confronto si esce perdenti: anche da quello con la memoria; e allora, si fa il bagno, ci si riveste. E si va a bere una birra.