< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • July 2006
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    10/07/2006

    Il giorno dopo

    Filed under: — JE6 @ 10:34

    Ieri sera, come la grandissima parte dei miei connazionali, ho passato più di due ore senza staccare gli occhi dal televisore, che faceva vedere dieci omini vestiti di blu ed uno vestito di *** (io non lo so definire, quel colore, abbiate pazienza) provare a vincere una partita di calcio battendo dieci omini vestiti di bianco ed uno vestito di nero. Sono stato lì, accavallando e scavallando le gambe, alzando le braccia al cielo, sospirando, roteando gli occhi, sentendo in bocca il sapore appiccicoso della tensione, passando dal punto più alto a quello più basso della sinusoide dell’emozione. Come è finita, lo si sa: grida, baci, abbracci, incredulità, allegria, felicità in sedicesimo.
    Sarebbe stato bello se fosse finito tutto lì, ieri sera, chi si buttava nelle fontane e chi stava sul divano, ad ascoltare nel buio i clacson, le trombe, i gruppi di persone che gridavano frasi sconnesse.
    Invece, arriva il giorno dopo. Arrivano le articolesse, le analisi sociologiche, gli editoriali degli psicoterapeuti, quelli che vorrebbero far credere che una ventina di uomini possono non rappresentare, ma addirittura essere ciò che sono sessanta milioni di loro concittadini, arriva la retorica con la maiuscola, arriva il troppo che stroppia. D’accordo, è il prezzo da pagare per una serata che ci ricorderemo per tanto tempo, forse per sempre. Si può sopportare, in fondo. Però.

    Per la precisione

    Filed under: — JE6 @ 07:51

    Loro sono stati bravi e hanno vinto. Noi siamo contenti.