< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • July 2006
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    24/07/2006

    Citius, altius, fortius

    Filed under: — JE6 @ 12:23

    Ieri guardavo le strade di Parigi, come al solito gremite di gente accorsa per festeggiare l’arrivo del Tour de France. Pensavo che negli ultimi otto o nove anni, a dispetto delle inchieste, degli arresti, delle sacche di sangue, degli ormoni di ogni genere, dei sospetti e delle certezze, centinaia di migliaia di persone si sono assiepate – sotto il sole e sotto la neve – per incitare questi uomini in bicicletta scalare il Pordoi e attraversare la Foresta dell’Aremberg. Come loro, centinaia di migliaia di tifosi si sono spellati le mani per applaudire i fuoricampo di Barry Bonds, nonostante le provette della Balco e i sospetti di doping pesante che lo avrebbero portato a scavalcare una leggenda del baseball come Babe Ruth nella speciale classifica degli home run. Mi sono chiesto se alla gente, in fondo, gliene importa qualcosa del fatto che una gara sia truccata, che un atleta sia pieno di steroidi da scoppiare: quello che conta è che sia una bella gara, che l’atleta tiri più forte, salti più in alto, corra più veloce. Come e perchè, sembra essere un dettaglio trascurabile.

    Magari di quella se ne poteva fare a meno

    Filed under: — JE6 @ 08:30

    Non so se i titolisti del Corriere online sono sbadati oppure perfidi. Di sicuro, dato il periodo di arsura congiunta ad afa, scrivere nell’occhiello Pioggia di rincari sa di ironia della quale si poteva fare a meno.
    Corriere.it