< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • July 2006
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    20/07/2006

    Sepolcri

    Filed under: — JE6 @ 17:01

    Mezz’ora fa, davanti al Cimitero Monumentale, c’erano tanto traffico e trentotto gradi. Ho pensato “già che sono qui, quasi entro, e mi ci fermo“.

    La rivoluzione assopita

    Filed under: — JE6 @ 09:36

    A me hanno sempre fatto credere che la politica è l’arte del compromesso. Il significato del termine è chiaro (accomodamento fra opposte esigenze di parti in contrasto che comporta rinunce d’ambo le parti – De Mauro Paravia) e vago al tempo stesso, perchè il valore della rinuncia è del tutto relativo: ci sono problemi rispetto ai quali il signor Rossi riesce, appunto, a scendere a compromesso abbastanza agevolmente e sui quali il signor Bianchi proprio non ce la fa. Niente di male, naturalmente.
    Però, i termini della questione cambiano se dell’esistenza del problema la cui risoluzione richiederà necessariamente un compromesso si è a conoscenza in largo anticipo. Cambia la valutazione che si fa del problema, e dei metodi per affrontarlo. Io mi chiedo se i quattro-più-uno di Rifondazione che ieri hanno votato contro il decreto sul rifinanziamento delle missioni militari all’estero, presentato dal governo sostenuto dalla maggioranza di cui da molti mesi sapevano che avrebbero fatto parte, non avrebbero fatto meglio a non candidarsi, proprio per evitare la triste scenetta di ieri. Ma si sa, se la rivoluzione non russa, probabilmente almeno si assopisce. Poi, arriva in Parlamento e si risveglia.

    PS – Leggo adesso l’intervista a Paolo Cacciari, il -più-uno di cui sopra. Io, quando vedo qualcuno arrampicarsi sui vetri e – ovviamente – scivolare con stridore di unghie, non riesco a non provare imbarazzo.
    Repubblica.it