< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • October 2006
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/10/2006

    Gruesse aus Mainz – 4. Mancano solo Luca e Paolo

    Filed under: — JE6 @ 22:22

    Augustiner Strasse. Il negozio della Lavazza, una vetrina fatta di tazzine, vassoi, cucchiaini, accessori vari. Una vetrina solo per il caffè. Come se a Milano ci fosse, non so, un negozio monomarca della Paulaner – che, a pensarci bene, non sarebbe mica una brutta idea: anyone interested?

    Gruesse aus Mainz – 3. Melting pot

    Filed under: — JE6 @ 22:18

    Ora, il melting pot uno se lo aspetta – chesso’ – a New York. Invece arriva a Mainz, la Magonza di Giovannino Gutemberg, con la sua Altstadt pedonale, l’acciottolato, le piste ciclabili, le case del Sei e del Settecento, le chiatte silenziose sul Reno, le luci basse che lasciano sfavillare il Duomo, ed è tutta una teoria di chinese bistro, pizzeria pepè, doner kebap, bistrorante l’angolo [1]. Tassisti italiani, turchi, magrebini. Viene quasi voglia di incontrare uno skinhead.

    [1] Ve la ricordate l’immortale rubrica di Cuore, “Botteghe oscure”? Ecco. Cristosanto, ci facciamo sempre riconoscere.

    Gruesse aus Mainz – 2. Digitare il PIN

    Filed under: — JE6 @ 22:00

    C’è sempre una prima volta: un albergo senza chiavi, dove si apre tutto – il portone esterno, le porte delle camere – con un codice, sei numerelli che ti vengono dati con la fattura (pagamento anticipato, naturlich). Il PIN del bancomat, quello della carta di credito, adesso quello dell’albergo. Ma ho i neuroni brasati, santocielo, e la memoria vacilla.

    Gruesse aus Mainz – 1. La falce e l’aratro

    Filed under: — JE6 @ 21:57

    C’era qualcosa che non mi tornava, lungo l’autostrada in Germania, come una sensazione di assenza non ben definita. Dopo un po’, mi è sembrato di capire cosa mi mancava. L’agglomerato urbano, il capannone industriale, il centro commerciale aperto sette-giorni-su-sette. E’ la deformazione del milanese, che esce dalla città’ solo nominalmente, mentre non fa altro che passare da un paese all’altro, e tutto intorno non vede che case e – appunto – capannoni, aziende, negozi. Provate a guidare da Milano Certosa a Vicenza, e contate i chilometri liberi, aperti alla vista: è tutto un calzaturificio, un mobilificio, un’acciaieria. Qui, invece, da Basilea a Karlsruhe a Mainz, sono solo campi e boschi, soia, mais, alberi, ogni tanto in lontananza qualche paese con il suo campanile alto quindici metri e quindi ben visibile da grande distanza. Uno si immagina la Germania come il paese della grande industria, Krupp e Volkswagen e ciminiere e fabbriche. Che ci sono, intendiamoci. Ma c’è tanto altro, ed è anche bello, e fa venire – incongruamente, forse – nostalgia di casa.

    On the road again

    Filed under: — JE6 @ 11:28

    Il titolare, qui, si mette in macchina alla volta di Mainz e Wiesbaden (sì, lo so, a trenta chilometri di distanza è disponibile il microscopico aeroporto di Francoforte – ma se si decide la partenza giusto trentasei ore prima, a volte capita di non trovare voli disponibili). Fate i bravi, e pensatemi mentre percorro quelle sottili strisce di asfalto che gli svizzeri si ostinano a chiamare autostrade.

    Come il maiale

    Filed under: — JE6 @ 08:56

    Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma. Così, la cosiddetta crisi dei reality show dà vita a un sottogenere dei talk show: quelli che si occupano della crisi dei reality show.