< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Sono vivi ma tu non lo senti”
  • Ben bene
  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • October 2009
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    18/10/2009

    Greetings from San Diego – Odori

    Filed under: — JE6 @ 04:50

    E’ da un po’ che quando arrivo in una città provo questa strana sensazione, come di un deja vu impreciso, come se quasi ogni strada e ogni palazzo e ogni panorama ne richiamasse altri due o tre a costruire una specie di Frankenstein dei ricordi. Questa mattina però il ricordo è stato netto e immediato: camminavo sulla Fifth Avenue, uscendo da downtown e andando verso nord, verso Balboa Park, e l’odore di piscio che sentivo – forte, persistente, lungo i muri e in mezzo alle siepi – era lo stesso di San Francisco. Perché i dropouts a San Diego non mancano come non mancano a Frisco, il clima mite li aiuta, li vedi in Gaslamp seduti dietro i loro cartelli “I’m hungry” mentre tutt’intorno sciamano i ragazzi nei loro vestiti migliori, quelli del fine settimana, li vedi piegati sui cartoni stesi negli androni dei palazzi di uffici, li vedi gonfiare i materassi per passare un’altra giornata identica a quella di ieri. E’ lo stesso odore di Market and Seventh, lo stesso odore che non ti lascia finchè non scappi, finché non vai al parco o ritorni ai negozi e ai ristoranti delle persone “normali”, finché non ti riempi gli occhi di altro.

    One Response to “Greetings from San Diego – Odori”

    1. marcoscud Says:

      San Francisco is a very proud city. Sometimes this pride borders on smugness. If there’s one thing we San Franciscan’s love to talk about, it’s how great our city is (or was, if you’re talking to a bitter oldtimer!). We’re always willing to offer an opinion as to the best view, our favorite restaurant, directions (it’s confusing even for locals!), and anything else about our lovely home town.

      We only ask for one thing in return: never EVER refer to the city as “Frisco.” If you want to instantly change a local’s opinion of you from good to bad, try using the ‘F’ word! I don’t know why this is the case – it just is. Don’t do it!

      Some hip-hop types try every so often to make “Frisco” an edgy, hip word. It just makes people hate them more.

      Io ci ho provato una sola volta in 3 anni di soggiorno e una mia amica nativa di SF mi ha trattato pressapoco come una merdaccia. Ho imparato la lezione the hard way.

      Ma mi era già successo con amici Argentini, quando ho usato Baires.
      Si sono guardati, mi hanno guardato con commiserazione e mi hanno chiesto di che cosa stessi parlando.
      Nessun vero nativo di Buenos Aires avrebbe MAI usato l’espressione Baires! Merdaccia anche qui.
      Da allora cerco di limitare i vezzeggiativi falso localistici parlando delle città!

    Leave a Reply