< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Distinguo
  • Magia
  • Lontano da dove
  • Ciò che siamo
  • Niente resterà impunito
  • Gli uni agli altri
  • Il giorno dopo Ferragosto
  • Tuta blu
  • Telefonami tra vent’anni
  • Pausa pranzo
  • June 2011
    M T W T F S S
    « May   Jul »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    14/06/2011

    “Pazienza”

    Filed under: — JE6 @ 08:54

    Ieri sera guardavo le percentuali dei votanti – identiche al decimale per tutti e quattro i referendum – e quelle dei sì e dei no – idem, circa – e mi veniva da ridere al pensiero di tutte le mie riflessioni condotte fino al momento in cui lo scrutatore mi ha chiesto se avrei votato per tutti e quattro i quesiti nazionali – sì – e per tutti e cinque i cittadini – sì – e anzi, fino all’interno della cabina per almeno una delle schede davanti alla quale mi sono fermato un po’, tanto fuori non c’era nessuno che aspettava, e ci ho ripensato un’ultima volta. Mi veniva da ridere perché a guardare quei numeri era chiaro che una, quattro o quaranta domande non avrebbe fatto differenza alcuna, ha ragione Formigoni*, gli elettori avrebbero votato su qualsiasi questione, la legalità del gelato al pistacchio, i colori dell’inchiosto delle penne biro, qualsiasi cosa pur di dire al PresDelCons “adesso basta, grazie e a mai più rivederci”. Quei numeri mi confermavano quello che sapevo e che sapevamo tutti: i promotori dei referendum avevano raccolto le firme per un motivo e gli elettori avevano votato per un altro, che è quello che succede con i libri, non conta davvero quello che viene scritto, conta quello che viene letto ed è inutile spaccare il capello in quattro per dire se questo sia giusto oppure no; e comunque alla fine rimane la consolazione bene espressa da Paolo: Io non sapevo come l’acqua arrivava al mio rubinetto di casa e chi la gestisse, a quale costo. Adesso lo so. E se ho sbagliato, se il Paese ha sbagliato. Pazienza. Ne facciamo di cazzate.

    * Ci sono quelle giornate un po’ così, quelle nelle quali ascolti Stefania Craxi alla radio e ti ritrovi a pensare “beh, ha ragione”, dieci minuti dopo il cervello obnubilato dal traffico della tangenziale ti viene attraversato dall’idea di iscriverti una buona volta al PD, due ore dopo fai involontariamente sì con la testa mentre parla Formigoni, fortuna che c’è sempre qualcuno che poi ti dice “non saprei da dove iniziare a insultarti” e tutto ritorna al suo posto.

    One Response to ““Pazienza””

    1. Mr. Tambourine Says:

      Vero, per carità.

    Leave a Reply