< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • July 2011
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    01/07/2011

    Le domande scomode

    Filed under: — JE6 @ 09:01

    Alessandro Gilioli ha fatto da moderatore di un dibattito alla Festa dell’Unità del PD di Roma (sì, quello della Marilyn de noantri), che riuniva quattro soggetti del partito stesso da lui definiti “abbastanza eterodossi”. Siccome ognuno ha le sue monomaniacalità, con il rigore e l’inflessibilità che lo contraddistinguono ha chiesto prima ai quattro e poi al centinaio abbondante di persone presenti se D’Alema e Veltroni sono oggi “una risorsa o un peso per il PD”. Udite udite, sia i quattro eterodossi sia coloro che erano andati ad ascoltarli hanno tutti detto a gran voce “un peso, ma che domande”. Il nostro coraggioso intervistatore ha allora sorriso a trentadue denti, unicamente dispiaciuto del fatto che i due dinosauri non fossero lì “davanti a tutte quelle mani di elettori e militanti del loro partito che si alzavano per mandarli in pensione”; bontà sua ci tiene a precisare che il campione non va considerato statisticamente affidabile e che forse, ma forse eh, gli eterodossi vanno ad ascoltare gli eterodossi. Ciò nonostante, vogliamo forse rinunciare a un post con annessa documentazione fotografica? No, e infatti. Ora, è chiaro che questa non è che la prima tappa della nuova carriera di ardito sfrucugliatore di audience ostili, e che noi possiamo sederci tranquilli in attesa delle prossime esibizioni di capacità di fare domande scomode in luoghi altrettanto perigliosi: alla riunione del Napoli Club di Mergellina Gilioli chiederà agli ultrà quanto sta loro simpatico Adriano Galliani, all’assemblea dei delegati Fiom porrà la spinosa questione “ma secondo voi Marchionne è un bravo manager oppure il padrone delle ferriere”, e così via in un crescendo di ardimento, che raggiungerà il suo apice quando arringherà gli avventori del bar dell’Esselunga di via De Marchi chiedendo loro “liscia, gassata o Ferrarelle?”.

    One Response to “Le domande scomode”

    1. Carlo M Says:

      e finalmente! vediamo se il prode gilioli ha la compiacenza di risponderti.

    Leave a Reply