< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • March 2013
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/03/2013

    Stories of the Bund – Ci vediamo presto

    Filed under: — JE6 @ 11:00

    Ci sono sere che si fa tardi in ufficio, e nonostante questo nessuno ha voglia di tornare a casa, forse perché i posti dove viviamo case lo sono ma non fino in fondo, per tutti c’è un fondo di provvisorietà che li rende posti dove andare a dormire, a riposarci, ma non proprio a vivere – ed è così anche per quelli che io sull’Italia ci ho messo una croce sopra, figurati per chi sa di rientrare fra uno o tre mesi. Così si cerca un posto per bere qualcosa e il problema è trovarne uno che abbia sei sgabelli e un tavolo, poi si sta lì, a fare quattro chiacchiere, la realtà è che questa, fino a quando non si prendono delle decisioni definitive o almeno a lungo termine sul futuro, è una vita da naufraghi e i colleghi sono le ciambelle di salvataggio, poi quando si riuscirà a toccare nuovamente terra allora chissà. E’ l’ultimo giorno di lavoro di una dei sei; si dicono le solite cose, un po’ scherzando e un po’ no, come farete senza di me, vedremo di sopravvivere, quando ritorno usciamo a cena. Improvvisamente, e senza un motivo, si fa silenzio, perché il locale si è svuotato e i sei sono come le stelle del Roxy Bar, ognuno col suo viaggio ognuno diverso e ognuno in fondo perso dentro i fatti suoi. Uno dei sei, non importa chi, mormora mah, mi sa che mi toccherà diventare grande, che in altre situazioni è una frase che si presterebbe ad amichevoli prese in giro, sarebbe anche ora, siamo diventati tutti filosofi stasera, dovresti bere di meno, e invece le parole scorrono ma non se ne vanno – poi si chiede il conto, si passano altri cinque minuti sul marciapiede fumando le ultime sigarette, in attesa di un taxi, allora ragazzi vi saluto, un bacio per guancia, un abbraccio con chi ha passato più tempo insieme, ci vediamo presto.