< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • March 2013
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    17/03/2013

    Stories of the Bund – Casa, o quasi (fake it till you make it)

    Filed under: — JE6 @ 14:11

    C’è un momento, che arriva senza preavviso e ti lascia interdetto, nel quale ti ritrovi a fare delle cose normali dentro a quella parentesi – per alcuni più lunga, per altri più corta: e questi sono coloro che vivono maggiormente in un’altra dimensione – che si chiama stage, o market screening, o missione, o temporary relocation. E’ il momento nel quale giri un angolo senza pensarci sopra perché ormai sai i nomi delle vie e dove stanno i punti cardinali della città e della tua zona, è il momento in cui vai dal barbiere, e quando esci compri un po’ di frutta – mele, e pesche, è il momento in cui la domenica diventa quel misto di abitudine e ansia e attesa che hai imparato così bene a conoscere. E’ il momento di una vita precaria nei tempi ma stabilizzata nelle forme, quelle piccole cose – la posizione degli interruttori, la banchina della metropolitana, la sera davanti al televisore – che, se ti sforzi un po’ per crederci, fanno casa: o quasi.