< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • December 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/12/2004

    Incidente diplomatico

    Filed under: — JE6 @ 13:36

    Scrive Janou, commentando questo mio post: Triste opinione dello mio paese. Per dire delle cose cosi, non ai visto proprio niente del’ Belgio nanche di suoi habitanti
    (Chiedo scusa per la qualita dello mio italiano)
    .

    Caro Janou, ti prego, leggi anche i post che seguono. Quello dove scrivo “Invece, dopo qualche ora, ti rendi conto che questa città [Bruxelles], che sarebbe morta da tanto tempo (senza nemmeno essersene resa conto), vive delle cento nazionalità delle persone che la popolano (…) sul serio, sembra di stare nel centro esatto del mondo, o di questa parte di mondo che chiamiamo Europa“; oppure, quello dove magnifico la vostra capitale dicendo “Insomma, qualche piazza l’ho pure vista, in vita mia: davvero, la Grand Place di Bruxelles si merita almeno il podio. Uno spettacolo di architettura, di musiche in sottofondo, di luci che illuminano i palazzi, di gente che se ne sta con il naso rivolto verso l’alto, di bicchieri di Gluhwein. Una cosa che tira via il fiato, che ti fa restare fermo, in silenzio, a guardare i riflessi verdi e rossi e blu delle luci che fanno brillare la cattedrale“.
    Sai, i paesi hanno tutti del bello e del brutto: cosa credi, che l’Italia sia tutta un quadro di Leonardo? No, vieni a fare un giro nella periferia di Milano, o lungo certe statali del Veneto dove trovi solo capannoni industriali a togliere la vista di colline un tempo splendide. E così è anche il Belgio, che attraversai in pullman tanti anni fa per andare a cercare un cugino di mia mamma, e fu come scivolare su un tavolo da biliardo per andare a finire in un quartiere dove parlavano tutti italiano – e il cugino se ne stava in Sardegna. Insomma, vivi in un posto del quale – credo – hai motivo di essere orgoglioso, come chiunque, anche se non lo vuole dire e ammettere, è un po’ orgoglioso del luogo nel quale è nato e cresciuto.
    Stammi bene, Janou: magari, la prossima volta che vengo, ti scrivo. Se sei in zona, ci troviamo a bere una birra (buona anche quella, davvero).

    One Response to “Incidente diplomatico”

    1. Janou Says:

      ditto cosi… tutto mi va bene !
      Buone feste àa te, a la tua famiglia é a tutti gli amici italiani

    Leave a Reply