< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • December 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/12/2004

    Ultimo pensierino

    Filed under: — JE6 @ 23:07

    [E poi basta, e mi si passi il tono cupo]
    E’ da un paio di giorni che penso che questa spaventosa tragedia che ci passa costantemente sotto gli occhi ha fatto molti meno morti della bomba di Hiroshima, o della guerra civile in Rwanda.

    7 Responses to “Ultimo pensierino”

    1. wolverine Says:

      E quindi? Per noi “sopravvissuti”…Buon Anno.

    2. carlo Says:

      Auguri, Squonk

    3. b.georg Says:

      http://www.warnews.it/mappa_interattiva.html

    4. Zack - 3M Says:

      Sbaglio o l’importanza di una guerra, di un cataclisma, di un incidente, di un terremoto, dipenda in modo proporzionale al numero di morti (i feriti non contano)?
      Mi pare di sì.
      E a me, che son caduto dal letto, nessuno dedica una notizia?

      BAH! Buon duemilae5.

    5. astrid Says:

      confesso la mia ignoranza nel non sapere quanti morti ci sono stati in ruanda o a hiroshima.

    6. Jaisalmer Says:

      Centocinquantamila morti nello stesso giorno a Hiroshima nel 1945, più quelli contaminati dalle radiazioni. Ottocentomila morti in pochi giorni in Ruanda nel 1994. Due delle pagine più nere della storia umana, dopo le benemerite opere di Adolf e Josif (per i quali, per l’appunto, una morte era una tragedia, un milione una statistica)
      Zack: Brecht le avrebbe dedicato una pièce.

    7. Simo Says:

      Delle guerre è facile trovare dei responsabili. Ma quando accadono certe cose il responsabile è più difficile da identificare. Ma non ditemi che è la natura: cavolate, fosse successo in Giappone sarebbe stato completamente differente! La sicurezza è un privilegio di chi se la puo’ permettere?

    Leave a Reply