< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • March 2006
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/03/2006

    L’incontentabile

    Filed under: — JE6 @ 10:56

    E’ iniziato il periodo in cui l’arredo urbano è fatto unicamente da tanti posteroni 6×3 sui quali campeggiano le facce che vediamo senza soluzione di continuità in televisione, sulla stampa e anche sul web.
    Così, volente o nolente, mi ritrovo a fissarli (e le attese al semaforo sono particolarmente utili, in proposito). Ne guardo uno, e vedo un braccio teso ad altezza scaffale, ed una mano che pare intimare “no, così non va bene, adesso ci penso io”: la serietà al governo, dice, e mi sembra di esser preso da una malinconia che Leopardi, al confronto, risulta una specie di Groucho Marx.
    Ne guardo un altro, e vedo solo una manciata di denti bianchi e lustri, e mi chiedo ma santiddio, cos’avrà da ridere quest’uomo?
    Non mi va bene nulla, lo so.