< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • March 2006
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/03/2006

    Capacchione (?)

    Filed under: — JE6 @ 11:49

    Luca, mostrando scarsa fiducia nella capacità del sottoscritto di interpretare le sue perplessità sulla questione Annunziata-Berlusconi (uso l’ordine alfabetico, che mi pare neutramente terzista), mi rispiega come la pensa:
    Abbassare la cresta, suggerimento che non è mai superfluo con il PresdelCons, dovrebbe valere un po’ per tutti. Si alza la voce, si chiedono risposte, si insiste sulla loro assenza, ma non si fanno capricci da asilo. Questo penso.
    Cercherò anch’io di chiarire, perchè qui ogni volta bisogna spiegare tutto. Per come interpreto io i rapporti umani, inclusi quelli professionali, l’atteggiamento dell’Annunziata è stato esageratamente aggressivo. Non è passata completamente dalla parte del torto, ma ci è andata pericolosamente vicina. Ciò nonostante, nel desolante quadro delle interviste fatte al PresDelCons, di fronte all’annichilente profluvio di parole con le quali mira a stordire i giornalisti che gli stanno di fronte (che però spesso sembrano vittime della sindrome di Stoccolma) e alla reiterata pretesa “Mi chieda questo – Mi chieda quest’altro”, giudico con una certa indulgenza chi ha mostrato di provare a fare come si deve il suo lavoro. Eventuali secondi fini di questo comportamento, francamente, mi interessano poco.
    Ricordo nuovamente che, qualche giorno fa, Belpietro ha fatto esattamente la stessa cosa (cioè, ha provato a far bene il suo lavoro) nei confronti di Massimo D’Alema: lo ha fatto con una carica di aggressività ben maggiore di quella usata da Lucia Annunziata, ai limiti della maleducazione. Ma il “caso” non c’è stato, perchè la reazione del Lider Massimo è stata di controllata sobrietà.
    Cosa dimostra tutto questo? Semplicemente che è difficile trovare un equilibrio: nè Annunziata nè Belpietro ci sono riusciti. Ma tra i loro interlocutori, uno ha dato di matto (per inciso, quello tra i due trattato meglio); l’altro no. Per discutere bisogna essere in due, forse vale la pena ricordarlo.
    Wittgenstein

    Zerbini

    Filed under: — JE6 @ 10:21

    Leggo che, anche tra coloro che non risultano essere fan del PresDelCons, vi è chi ha delle perplessità sul modo in cui Lucia Annunziata ha condotto l’intervista al PdC medesimo, ieri su RaiTre.
    Io sono un po’ meno perplesso, soprattutto ricordando il modo in cui Maurizio Belpietro ha trattato Massimo D’Alema a “Otto e mezzo” qualche giorno fa senza che vi fossero scenate isteriche e levate di scudi. Penso che in Italia siamo troppo poco abituati a sentire vere interviste: così, non appena un(a) giornalista non si stende a mo’ di zerbino, pare che sia successo qualcosa di eccezionale. In effetti, è proprio ciò che è successo ieri.
    Wittgenstein, Corriere.it