< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Per saperne di più
  • All’inizio del mondo
  • “What’s up, fellas”
  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • January 2007
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    10/01/2007

    Shit happens

    Filed under: — JE6 @ 09:36

    Girandola a piedi, e con la calma di chi non ha particolari impegni – nemmeno turistici – ci si rende conto che Milano è una bella città, di una bellezza nobile e nascosta. I palazzi, le chiese, i cortili, e anche certe persone che la popolano. Peccato che i marciapiedi di una gran parte del centro storico [1] siano costellati di deiezioni canine, e che l’ammirato passeggiatore debba procedere a salti e dribbling e piroette, guardando molto più verso il basso che verso l’alto. Ecco, cosa dicevo a proposito di certe persone che popolano la fu capitale morale del Paese?

    [1] Percorso di ieri, in compagnia del 51% della famiglia: Piazza della Repubblica, Via Turati, Via Fatebenefratelli, Via Pontaccio, Via Mercato, Foro Buonaparte, Via Carducci, Corso Magenta. La concentrazione maggiore nella tratta Turati-Mercato, per la cronaca.

    8 Responses to “Shit happens”

    1. Tengi Says:

      No dai. Mi tengo buoni i primi due periodi del tuo post.

    2. Squonk Says:

      Tengi, bisogna guardare in faccia la verità – se non altro, nel caso specifico, per poterla evitare.

    3. .g Says:

      ecco, io lì ci abito. capisca la difficoltà di arrivare alla fermata del tram ancora scema dal sonno.

    4. ilaLuna84 Says:

      Milano l’ho vista soltanto in parte, e dietro i finestrini d’un auto.
      Cercavo un treno per la Spagna…ma questa è un’altra storia.

      Lo slalom è qualcosa che accomuna tutte le grandi città italiane, purtroppo. E rovina parte del loro fascino.

    5. 003 Says:

      già, a torino la situazione non è certo migliore. nei miei venti minuti di passeggiata mattutina e pomeridiana andata/ritorno dall’ufficio, non posso così nemmeno concedermi il lusso di guardare il cielo, i palazzi, gli occhi dei passanti.

      tanto, anche loro, frettolosi, guardano a terra.

    6. copiascolla Says:

      Nella prossima Milanesitudine parlerò proprio dei nostri amici a quattro zampe. Cioè tre. Due. (te lo mando)

    7. glider Says:

      dalla piccola provincia lombarda peraltro va pure segnalato che un qualsiasi rimasuglio di verde, di aiuola, di parco è considerato alla stregua di latrina open space. roba che se le bestiole non fossero nutrite con spazzatura in confezione extralusso, ma con normale cibo (avanzi di cucina, resti del macellaio, pane secco, ecc) così concimati quei fazzoletti di terra potrebbero crescere pomodori e zucchine da guinness dei primati.

      la merda è più quella di una volta, gli stronzi però sì.

    8. JohnnyDurelli Says:

      Concordo appieno.
      PS: hai macinato chilometri…

    Leave a Reply