< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Sembra
  • Altre pandemie
  • Che esiste una cosa come la cruda, incontaminata, immotivata gentilezza
  • Gli altri siamo noi
  • Divieto di accesso
  • O. e le sue sorelle
  • 1,47
  • Un po’ di meno e un po’ di più
  • My own private Ukraine (qualche tempo dopo)
  • Carezze
  • January 2007
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    18/01/2007

    Quella cosa (in 1958 caratteri, spazi inclusi)

    Filed under: — JE6 @ 10:54

    Io, il Dottor Brodo lo credevo un amico. E invece, lui mi piazza il compitino – spiega che cos’è un blog in 2000 battute (che io poi vorrei sapere come vengono decisi questi criteri, ma è un altro discorso).
    Ora, Dottore, cosa vuole che le dica: il blog è quella cosa che in altri tempi, e probabilmente sotto l’effetto di sostanze allucinogene (tre-quattro weissbier, per intenderci), definii pomposamente il Viagra dell’attenzione – una roba che quando sei in giro ti fa guardare intorno per scovare qualcosa che gli altri non hanno visto, o per vederla in modo diverso.
    Il blog è quella cosa che tre, quattro anni fa ci faceva incontrare e all’atto delle presentazioni era tutto un bofonchiare perchè va bene tutto, la Big Conversation, il Social Web, e la fuffa e la rava e la fava, però degli splendidi trentacinquenni che si salutano dicendo “Ciao, sono Squonk”, “Ah, sì! Piacere, io sono Brodo”, ecco, ci siamo capiti, la cosa si commenta da sola.
    Il blog è quella cosa che Andy Warhol, buonanima, se fosse vivo oggi direbbe “visto che avevo ragione su quella storia del quarto d’ora di celebrità?”
    Il blog è quella cosa che ci fa sembrare tutti più belli, e di un bel po’.
    Il blog è quella cosa che ci fa ricordare che le parole contano, e vanno usate con cura e attenzione – e infatti i bravi blogger mica usano le stramaledette faccine che quelli fighi chiamano emoticons.
    Il blog è quella cosa che a gente come me e lei, Dottore, permette di incontrare – a volte virtualmente, a volte no: ma non carnalmente, almeno a quanto mi risulta – delle blogger giovini e piacenti e anche delle prezzolate agevolatrici del piacere.
    Il blog è quella cosa che a qualcuno ha fatto trovare lavoro, a qualcun altro ha fatto trovare moglie: non a noi due, ancora una volta, ma anche di questo ci faremo una ragione.
    Il blog è quella cosa che paese che vai blogger che trovi, così si riesce sempre a sfangare una birra o un piatto di amatriciana.
    Il blog è quella cosa che mia moglie mi guarda sempre con aria di compatimento, e magari ha anche qualche ragione.
    Il blog è quella cosa che io non so spiegare meglio di così [1], ma forse i signori [mini]marketing, Lester, Libero Gilera, Vic e FFDES sì, e allora passo la palla.
    Brodo Primordiale, [mini]marketing, American Beauty, Attentialcane, Giovani Tromboni, Farfintadiesseresani

    [1] Poi, sì, le relazioni, il 2.0, la Storia fatta dalle storie. Ma tanto sapete già tutto.

    9 Responses to “Quella cosa (in 1958 caratteri, spazi inclusi)”

    1. .g Says:

      >>Il blog è quella cosa che paese che vai blogger che trovi, così si riesce sempre a sfangare una birra o un piatto di amatriciana.
      E’ che dovrebbero metterli sulle lonely planet, i blogger. In fondo, dopo i ristoranti.

    2. [mini]marketing Says:

      maledetto 🙂

    3. Tengi Says:

      bello. mi piace. il viagra dell’attenzione. il blog è quella cose che i miei amici pensano che stia diventando matta. il blog è quella cosa che non dormo se prima non ci faccio un giro.

    4. sphera Says:

      Il blog è l’unico posto al mondo che sia affollato da pessimi soggetti senza essere pericoloso.

    5. lester Says:

      Professore, ultimamente ci sta caricando di compiti.
      Comunque, arriva.

    6. copiascolla Says:

      Il blog è quella cosa che permette a persone giovini e piacenti come me di avulgersi dall’ingannevole estetica e palesarsi in tutta la propria potenza d’encefalo.

    7. Squonk Says:

      Potenza che, va da sè, solo voi siete in grado di valutare – essendo noi occupati a guardarvi nella scollatura.

    8. American Beauty Says:

      Tema: Cosa sono i blog (in 2000 battute al massimo)

      Tema: Cosa sono i blog (in 2000 battute al massimo) Anche questa è una catena, e anche questa viene da Sir Squonk. Potrei mai deluderlo? Svolgimento: I blog (direi la blogsfera, ma non sono abituato ad usare parolacce nei temi) sono come una pia

    9. vic Says:

      Si figuri, sir, che avevo letto “giovini e giacenti”, a riprova dell’encefalo maschile con le sue brave deformazioni professionali. Come mi disse una volta una lady: “tu hai la mente bacata e morbosa” (e io capii “banana formosa”).

    Leave a Reply