< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • February 2007
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/02/2007

    Tutto chiaro

    Filed under: — JE6 @ 15:54

    Giuseppe Genna, su Everyman di Philip Roth:

    Si appalesa il limite intrinseco di Roth: egli non è uno scrittore vitalista, egli è uno scrittore materialista. Non c’è una volta che vada radicalmente a domandarsi cosa ci faccia qui, con questa “macchina del corpo”. Non c’è nemmeno l’eroismo prometeico di chi, di fronte al nulla, si chieda qualcosa a proposito del nulla. In questo, Roth è uno scrittore del secolo scorso: plausibilmente antimetafisico, tenendo presente però che il materialismo radicale è pura metafisica.
    (…)
    Con Everyman, Roth costruisce la specola più veritativa attraverso cui guardare la sua precedente produzione: nessuna destinalità, le coincidenze fanno tutto
    (…)
    Delle due, una: o è un romanzo veritativo sul sé che l’umano occidentale è divenuto (un sé non autointerrogativo se non sul piano psicofisiologico); o è un romanzo inutile molto bene scritto.
    Carmillaonline (via Lipperatura), Internetbookshop

    4 Responses to “Tutto chiaro”

    1. Ricambi Originali Says:

      Dai, solo perche’ veritativo non si trova sul de mauro…..cmq, mi sembra anzi uno dei passi piu’ chiari di genna, capace di fare moooolto di più.

    2. marco Says:

      Suvvia, non mi faccia l’anti-intellettuale.
      Certo, Genna (che peraltro non so a chi parlasse) pare sfoggiare inutilmente un vocabolario per pochi intimi, ma, come dice R.O, non fatico a pensare che abbia fatto di molto peggio.

    3. lapiccolacuoca Says:

      Saramago: L’intermittenza della morte. Argomento la vecchiaia la malattia la morte. Insomma stessa roba. Scritta MOOOOLTO meglio.
      Quindi propendo per un romanzo inutile scritto (molto) bene. E l’abbiamo anche letto. L’ho trovato falsamente cinico. Pieno di paura vera. Ma non descritta bene. Ho capito perché i parrucconi a Stoccolma non gli danno il nobel a Roth. E l’hanno dato a Saramago (di cui consiglio la lettura di due capolavori: L’assedio di Lisbona e Il vangelo secondo Gesù).

    4. sphera Says:

      Mi sfugge del tutto la necessità di leggere questo sig. Genna.

    Leave a Reply