< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • March 2007
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    21/03/2007

    Non si salva (quasi) nessuno

    Filed under: — JE6 @ 12:09

    Claudio Rinaldi bastona – con ragione – praticamente tutti. Si salva, ma solo un po’, Massimo D’Alema.
    Italia Loro

    Meglio piuttosto?

    Filed under: — JE6 @ 09:32

    Da queste parti, nei dintorni della Madonnina, si usa un proverbio che, tradotto, suona più o meno “Piuttosto che niente, meglio piuttosto”. Che è ciò che sostiene Silvio Sircana nelle sue interviste di ieri, quando dice “alla mancanza d’informazione preferisco un po’ di cattiva informazione“. Sircana difende – concediamoglielo: in modo abbastanza nobile, data la situazione – un principio, una di quelle grandi parole d’ordine nelle quali vogliamo credere per continuare a credere nello sbilenco mondo che abbiamo messo in piedi. Ma se non ci nascondiamo dietro a un dito, dobbiamo riconoscere che le libertà di espressione e di informazione sono già soggette a tanti vincoli: l’esistenza del reato di diffamazione, per intenderci, significa che non si può proprio dire tutto di tutti. E allora forse non è vero che preferiamo avere un sistema di regole che privilegia la cattiva informazione alla mancanza di informazione, perchè la cattiva informazione può essere dannosa – quando non letale – in modi diversi ma non meno pericolosi e violenti rispetto alla completa assenza. Però è più facile vietare (o permettere, a seconda dei punti di vista), piuttosto che imbarcarsi nel giudizio “questo è buono, questo è cattivo“: e così, si apre la strada ai mille provvedimenti dei Pizzetti di turno.