< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • May 2007
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    10/05/2007

    C’è chi dice ni

    Filed under: — JE6 @ 09:00

    Francesco Rutelli dice che se fosse stato un semplice deputato, sarebbe andato al Family Day. Il portavoce del comitato organizzatore, Savino Pezzotta, afferma perentorio che gli organizzatori sostengono “un no chiaro alla legge sui Dico“. Francesco Rutelli è il vicepresidente del governo che ha approvato il disegno di legge sui Dico. Però parteciperebbe attivamente alla manifestazione che li contesta. Mioddio.
    Repubblica.it

    Prima i bambini, poi le donne

    Filed under: — JE6 @ 08:20

    Magari mi sfugge qualcosa, ma se è vero che esiste una “stretta correlazione tra il benessere materno e quello infantile”, come recita la presentazione del Rapporto sullo Stato delle Madri nel Mondo stilato da Save the Children, come si spiega che i bambini italiani stanno al primo posto nella classifica del benessere, e le loro madri solo al diciannovesimo? Non è che in Italia vale la correlazione inversa (ipotesi che, guardandosi un po’ in giro, non pare essere particolarmente campata in aria)?
    Save the children