< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • June 2007
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    04/06/2007

    CoA – Effetti collaterali

    Filed under: — JE6 @ 14:17

    Traslocare è un’esperienza che provoca una discreta quantità di effetti collaterali:
    Il vocabolario si riduce ad alcuni fonemi, inframmezzati dalla parola “scatolone”
    Una volta che si riacquista la facoltà di parola, l’espressione più frequente diventa “dove cazzo è XXX [oggetto a scelta]”
    Lo scontrino della prima spesa, fatta per ristabilire la normalità di dispensa e frigorifero, assume la lunghezza di una sciarpa, o di una cravatta (entrambe atte ad annodarsi a mo’ di nodo scorsoio intorno alla gola del pagante)
    Il corpo si copre di lividi, dovuti alla perdita di qualunque automatismo di movimento e al conseguente scontro con spigoli inaspettati
    I polmoni prendono una preoccupante rassomiglianza con quelli dei minatori cinesi, grazie al deposito di polveri non sottili
    Il cervello riesce ad elaborare unicamente “chi cazzo me lo ha fatto fare”
    [Segue?]

    6 Responses to “CoA – Effetti collaterali”

    1. lester Says:

      Sarei curioso di vedere la persona corta in mezzo alla suddetta baraonda: scommetto che si diverte come una matta.

    2. farfintadiesseresani Says:

      Poi, come d’incanto, passa. Certo, trasferirsi in una casa che, attorno, ha un giardino di un ettaro un po’ aiuta a recuperare.

    3. laflauta Says:

      e certo, che invece di recuperare dallo scatolone n.XXX l’oggetto XXX lo si ricompra. A me lo dice. Però è giusto, anche un nuovo mestolo fa il cambiamento. E via, la prenda come una nuova avventura, no?

      fla-che ha cambiato casa a marzo e quando ha sentito il settenne “vado a casa mia a cena” si è fin commossa

    4. copiascolla Says:

      Credo di saperne qualcosa…

    5. tittirossa Says:

      gli americani, che di classifiche se ne intendono, hanno messo il trasloco nei 3 peggiori eventi che ti possano capitare. La triade è composto da divorzio-licenziamento-trasloco. Provate a spostare gli addendi, rimane sempre una bruttissima formula in effetti, dove, forse, l’unico foriero di qualche nota positiva è il trasloco (o il divorzio, se si ha un contratto prematrimoniale con Donald Trump!)

    6. Squonk Says:

      Lester: la persona corta si è divertita pochissimo, purtroppo, dato che durante il periodo incriminato ha visto pochissimo i genitori – e soprattutto la mamma. Ma adesso pare essere quella che vive meglio la nuova situazione.
      FFDES: immagino di sì, benchè il sottoscritto e la sua allegra famigliola non abbiano alcuna intenzione di schiodarsi da Milano.
      Fla: una nuova avventura, esatto.
      CS: so che lei sa.
      TR: se non avessi sperato in qualche nota positiva sarei stato del tutto folle, no?

    Leave a Reply